In breve:
– Progetto ARThletes: il nuovo Burgman 400 “l’atleta elegante” incontra 4 illustratori italiani di fama internazionale per raccontare un viaggio unico fatto di emozioni e di sentimenti.

 – Ogni illustratore disegnerà un’opera legata al Burgman e ne esalterà, oltre che le origini Made in Japan, le caratteristiche in esso contenute prendendo spunto dalla disciplina olimpionica del Pentathlon moderno che è composta da equitazione, scherma, nuoto e laser run.

 – Francesco Poroli è il secondo artista a svelare la sua opera, che vede le doti di scatto e sportività del Burgman interpretate attraverso la disciplina olimpica del laser run. Prima di lui, Riccardo Guasco aveva rappresentato la stabilità del Burgman attraverso un’illustrazione dell’equitazione.

Nell’opera di Francesco Poroli il nuovo Burgman 400 è protagonista con l’inconfondibile parte anteriore e in particolare il doppio faro frontale: uno “sguardo” che segue l’atleta nella sua corsa e che si fonde con la città di Tokyo alle spalle.

Attraverso il progetto ARThletes Suzuki lega competenza tecnica, cultura giapponese, sport olimpico e una allure tutta italiana coinvolgendo 4 artisti chiamati a illustrare 4 caratteristiche tecniche del Burgman 400.

Gli illustratori italiani, tutti di fama mondiale, sono Gianluca Folì, Riccardo Guasco, Francesco Poroli e Van Orton che interpretano le doti del mezzo – eleganzasportivitàstabilità e sicurezza –– abbinandole alle discipline del Pentathlon moderno (equitazione, scherma, nuoto e laser run) attraverso 4 opere uniche.

Sportività.  La corsa scattante
Francesco Poroli è il secondo artista a svelare la propria opera. L’illustratore milanese ha tradotto in linee e colori il concetto di sportività insito nello scooter cittadino per eccellenza, legandolo al gesto della corsa, più precisamente al laser run nel Pentathlon moderno.

Pensando al nuovo Burgman 400 di Suzuki e al concetto di sportività – dichiara Poroli – mi sono chiesto se ci fosse qualcosa di più sportivo del puro gesto della corsa. Corriamo da che abbiamo memoria, persino da prima: è il gesto sportivo per eccellenza, che ben si coniuga con le forme del nuovo Burgman –– proiettate nel futuro –– e con lo spirito olimpico che ci attende a Tokyo, che appare sullo sfondo dell’immagine sovrastata dal Monte Fuji”.

 Ale Giorgini, illustratore e art director, che ha coordinato gli artisti in questo progetto dichiara: “Francesco Poroli riesce a far convivere in una perfetta simbiosi il linguaggio illustrato con gli stilemi della grafica moderna. Un segno in continua evoluzione, caratterizzato da colori e forme ormai diventate cifra stilistica, rendono Francesco uno degli illustratori più apprezzati del panorama italiano.”

Il progetto avrà una forte declinazione social e il pubblico sarà chiamato a scegliere l’opera più apprezzata ed evocativa in una Reaction Challenge online: quella che otterrà il maggior numero di reactions diventerà la livrea esclusiva di un Burgman 400 da collezione!

Stay tuned sui social di Suzuki Italia!

Il Progetto ARThletes: Burgman 400 e il Pentathlon moderno
Quattro artisti chiamati a realizzare ognuno un’opera che unisca, attraverso i tratti artistici tipici di ogni illustratore, le doti del mezzo motociclistico della casa nipponica e le caratteristiche sportive di ogni disciplina del Pentathlon Moderno. Riccardo Guasco, il primo a svelare la sua opera, ha interpretato l’equitazione nella disciplina del salto ad ostacoli legandola all’idea di “stabilità”, a Francesco Poroli è stata assegnata la laser run per esprimere la “sportività”. I fratelli Van Orton si dedicheranno alla scherma associata per il progetto al concetto di “sicurezza”; Gianluca Folì dovrà immergersi nel nuoto esaltandone l’“eleganza”.

Il curatore
Lorenza Salamon
Raccolta la tradizione di famiglia, galleristi dal 1954, Lorenza Salamon fonda le sue origini professionali nello studio della grafica d’arte, di cui è oggi un’esperta. Amplia, dal 1992, i suoi interessi verso l’arte contemporanea figurativa nella galleria di sua proprietà, la Salamon Fine Art di Milano.

Nel 2009 Federica Galli, esponente di spicco della grafica italiana, costituisce e le affida la presidenza della fondazione testamentaria. Sotto la sua egida Lorenza compie un costante lavoro di divulgazione delle arti grafiche antiche, moderne e contemporanee.

https://www.salamonfineart.com/index.php 

Coordinatore artisti
Ale Giorgini
Illustratore, designer, direttore artistico, Giorgini ha collaborato con brand e testate internazionali e partecipato a eventi in tutto il mondo. Ha vinto il Good Design Award del Chicago Museum of Design (2017), è stato selezionato dalla Society of Illustrators di New York (2015, 2017). Dal 2013 al 2018 è stato presidente e direttore artistico di Illustri Festival e fondatore dell’agenzia Magnifico che rappresenta alcuni dei più importanti illustratori italiani.

IG https://www.instagram.com/alegiorgini/

L’artista
Francesco Poroli
Francesco Poroli è nato e vive a Milano.

Dal 2000 lavora come illustratore e art director freelance.
Durante questi anni ha pubblicato su testate quali The New York Times Magazine, Wired, GQ e Il Sole24 Ore. Ha inoltre lavorato per clienti come Facebook, Campari, Apple, NBA, Barilla, FCA e molti altri.
Nel 2017 ha pubblicato “Like Kobe – Il Mamba spiegato ai miei figli” per Baldini&Castoldi.
I suoi lavori sono stati premiati da Society of Illustrators New York e The Society of Publication Designers.
È direttore artistico di Illustri Festival, speaker TEDx e insegna presso IED Milano, NABA and Domus Academy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment